Un altra  serata magnifica al Don Claudio questa volta in collaborazione con il sommelier dell’enoteca Caveau ,Indiano Luigi, per degustare le buonissime specialità di propostavini, azienda trentina che lavora con attenzione verso realtà particolari  di qualità, rivolta ad aziende che operano nel rispetto, nella riscoperta della tradizione e della tipicità del loro territorio.

Il ristorante

Image

Una serata voluta per scoprire e valutare un nuovo modo di intendere i vini. In maniera naturale e certe volte estrema.

I preparativi

e la mise en place

Il menu firmato Claudio Romano

che unisce poesia

e creatività

 si parte aperitivo

 Vino: Garganega sui lieviti di Menti

chips di verdure

Via con i vini

BLANC DE MORGEX ET DE LA SALLE Vini Estremi (VINO BIANCO)
CAVE DU VIN BLANC – VALLE D’AOSTA
La filosofia produttiva del “Blanc de Morgex et de La Salle Vini Estremi”, si basa sul rispetto totale delle caratteristiche e della tipicità che l’uva del Priè Blanc può apportare a un vino prodotto, ancora attualmente, in condizioni prefilosseriche. Le tecniche di produzione vogliono riproporre le condizioni di vinificazione ottocentesche. Per questo motivo la fermentazione alcolica viene svolta a temperatura ambiente (di cantina) e i lieviti impiegati sono stati selezionati negli anni ’80 dall’”Istituto sperimentale di Enologia di Asti” sul vitigno Priè Blanc a Morgex. Il vino prodotto viene sottoposto a semplici travasi senza subire stabilizzazioni tartariche e chiarifiche.
Abbinato a carpaccio di Volpina tartara di sgombro e pesca.

Secondo antipasto

RABOSO ROSATO Redentor Sui lieviti Metodo Familiare (SPUMANTE)
TESSÈRE – VENETO
Redentor è uno spumante ottenuto da uve Raboso Piave raccolte a mano.  La vinificazione avviene con una breve permanenza sulle bucce.  La rifermentazione inizia la Settimana Santa e prosegue per un periodo di 3 anni. Non è stata eseguita alcuna sboccatura: la presenza di lieviti in sospensione è dunque voluta ed è indice di naturalità e complessità aromatica

calamaretto ripieno di tastasale e piccolo carpione di ortaggi

Via con i primi

SALINA BIANCO Tenuta Valdichiesa Catarratto e Insolia BIO                         (VINO BIANCO)
SALVATORE D’AMICO – SICILIA
“Da sempre mi ispiro a due importantissimi capisaldi: la tradizione, che nel rispetto del territorio isolano continuo da oltre tre generazioni, utilizzando e lavorando esclusivamente risorse locali senza alterarne l’integrità, e l’alta qualità dei prodotti, seguendo la filosofia di mio nonno e di mio padre. Produco un numero limitato di bottiglie, al fine di poter eseguire il procedimento tradizionale con un accurato controllo in tutte le fasi di lavorazione, a partire dalla selezione delle uve e senza aggiungere lieviti, fino al prodotto finito”
Ravioli con gamberi e capesante, bisque e carabineros.

altro primo….

VITOVSKA CARSO (VINO BIANCO)
SKERK – FRIULI VENEZIA GIULIA

“Dietro ad un vino un’anima…Ogni uomo ha bisogno di emozioni, soddisfazioni e gioie. Ho riscoperto sempre di più tali valori quando ho cominciato a coltivare e produrre vini secondo natura, che mi hanno avvicinato alle mie origini e al profondo legame con la mia terra, il Carso, posto dove sono nato e cresciuto”

risotto di bosega limone, la nostra bottarga e sciroppo di pino marino.

IL secondo con il nostro bravo sommelier Massimiliano Tieppo.

BARDOLINO

(VINO ROSSO)PODERI OPPI PELLEGRINI – VENETO

Ottenuto con uve Corvina Veronese, Rondinella, Molinara e altri vitigni. Colore rosso rubino brillante. I profumi tenui, eleganti con note vinose. Il sapore molto delicato ma preciso, presenta un leggero fondo amarognolo.

ombrina pomodori olive melanzane e menta

Dolce

GARGANEGA Passito della Tradizione Frizzante sui lieviti

(VINO DESSERT)GIOVANNI MENTI – VENETO

In passato, prima dell’avvento delle microfiltrazioni, il Recioto di Gambellara era un vino frizzante/spumante col fondo, che rifermentava in bottiglia e che non garantiva tutti gli anni la stessa frizzantatura; per motivi di commercializzazione, soprattutto internazionale, si è iniziato a filtrarlo e imbottigliarlo fermo, per garantire lo stesso prodotto agli appassionati di tutto il mondo.
Il Passito della Tradizione è un’interpretazione della famiglia Menti (travasi durante la fermentazione, uso di lieviti indigeni, imbottigliamento con luna calante; frizzante o spumante a seconda dei lieviti e dell’annata). Vino in continua evoluzione data dalla permanente sosta sui lieviti e povero di solfiti in quanto protetto dall’anidride carbonica generata naturalmente in prima e seconda fermentazione.
semifreddo allo zabaione crema di carota caramello e croccantino.

ringraziamo chi ci ha  aiutato a chi ha parteciapato.

Vi aspettiamo al prossimo evento.